Azione di informazione, comunicazione, sensibilizzazione e pubblicitĂ .
Fondi Strutturali Europei 2014-2020

A Roma il Paradiso si trova sotto terra

Studenti del Rosetti alla scuola di Eraldo Affinati

foto di gruppo

Esperienza significativa per gli studenti delle classi 5^ B e 5^ E dello scorso anno scolastico che hanno partecipato alle lezioni di italiano per stranieri della scuola ‘Penny Wirton’. Le riflessioni sull’evento di alcuni studenti e della professoressa Adriana Paoletti che ha accompagnato i ragazzi insieme alle colleghe Michela Musarra e Genny Simone.

Nel numero 5/2019 della rivista culturale “MicroMega”, dedicato alla scuola, è stato pubblicato un articolo di Eraldo Affinati, insegnante e scrittore, che presenta l’esperienza della “Penny Wirton”, scuola di italiano per stranieri, da lui fondata e diretta insieme alla moglie Anna Luce Lenzi.

Gli studenti delle classi 5^B e 5^E dello scorso anno scolastico hanno vissuto in un pomeriggio la realtà dell’attività della scuola di Affinati nella sede di Roma. Dopo l’esperienza hanno espresso le loro riflessioni e impressioni, che sono state inviate allo scrittore. Stralci dei loro testi sono stati riportati nell’articolo, come riconoscimento dell’impegno dei ragazzi del nostro liceo e a testimonianza della bellezza dell’esperienza “da docenti” che gli studenti hanno fatto, affiancando individualmente o a coppie un volontario che spiegava italiano a uno straniero.

La scuola ha sede in uno spazio seminterrato che la regione Lazio ha concesso in comodato d’uso. “A renderlo accogliente -ha scritto Stefano Straccia- sono tutti i colori delle decorazioni, delle sedie e dei libri, ma soprattutto il sorriso e la gioia, visibile negli occhi di ciascuno che in quel luogo lavora e impara”.

Come afferma lo scrittore, “partite a Roma come una piccola realtà, oggi le scuole Penny Wirton sono quarantadue, sparse in tutta Italia, da Messina a Trieste. Vi si insegna italiano agli stranieri, mettendo al centro la singola persona, ciascuna con la propria storia. Aconfessionali, apartitiche, completamente gratuite, con lezioni individuali: a ogni studente il suo insegnante (rigorosamente volontario). Un luogo dove si sperimenta cosa dovrebbe essere la scuola: un’intensificazione della vita, guardarsi negli occhi e camminare insieme per costruire tasselli della società che vorremmo”.

Carla Vittoria Ascani, ex studentessa della 5^B, in modo sintetico e affascinante- come ha sottolineato Eraldo Affinati- ha scritto che le classi hanno fatto esperienza dell’amore per il futuro.

Sì…. “A Roma il Paradiso si trova sotto terra” (Stefano Straccia).

GALLERIA FOTOGRAFICA