Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti. Continuando la navigazione se ne accetta l'utilizzo.
Per maggiori informazioni sulle caratteristiche e sulle modalità di disattivazione di tali cookie si veda l'
informativa estesa.

Azione di informazione, comunicazione, sensibilizzazione e pubblicità.
Fondi Strutturali Europei 2014-2020

Erasmus+ Ungheria

Erasmus: l’esperienza in Ungheria

Viaggio in Ungheria

Una settimana all’insegna dell’informatica nel contesto di una delle capitali più affascinanti del Vecchio Continente, Budapest. La bella esperienza rappresenta l’ulteriore tassello nell’ambito del programma Erasmus “Maths around us” che alcuni studenti e docenti stanno vivendo insieme a colleghi di Danimarca, Grecia, Lituania, Polonia, Portogallo e Romania. Riportiamo il breve resoconto di Davide Vagnoni, coinvolto insieme a Chiara Malavolta e Matteo Ceroni (5 H)  nello scambio che si è svolto dal 27 novembre al 3 dicembre scorsi.

Calorosamente accolti dai nostri amici ungheresi Alex, Zoè e Nikolett, sin dal primo giorno non abbiamo avuto alcuna difficoltà nell’ambientarci con i nostri ospiti e tutti gli altri ragazzi dei  Paesi aderenti al progetto. In brevissimo tempo abbiamo stretto una forte amicizia e si è creato una grande sintonia tanto che non ci siamo mai separati per tutta la settimana, ed ancora oggi continuiamo a tenerci in contatto con alcuni degli studenti conosciuti in quella bellissima settimana.

Durante le lezioni di informatica e di matematica ci siamo divertiti rispettivamente a “giocare” con la programmazione di un sito internet volto alla risoluzione di problemi matematici, ed a lavorare molto con gli esponenziali e con i sistemi di numerazione più usati, come quello binario o quello esadecimale.

Le uscite mattutine sono state fondamentali per conoscere la storia e i luoghi più caratteristici della città di Budapest, come i numerosi ponti (da segnalare gli affascinanti Ponte delle Catene e Ponte della Libertà), il Budavári Palota (la residenza reale) e tutti gli edifici ufficiali del governo magiaro. Particolarmente interessante è stata la visita all’Ospedale nella Roccia, un nosocomio segreto costruito seguendo un sistema di cave naturali, adibito anche a bunker anti-atomico, che fu attivo durante le due guerre e la Rivoluzione ungherese del 1956.

La città di Budapest si è rivelata stupenda, una capitale sviluppata sulle due sponde del Danubio, il cosiddetto “fiume delle quattro capitali”, che mescola le caratteristiche di una metropoli europea a quelle dovute alla sua precedente natura di capitale imperiale: il castello, la cittadella fortificata e le numerose statue dedicate ai più grandi sovrani ungheresi.

Non sono ovviamente mancate le occasioni per divertirci, come la visita al Campona, dove abbiamo toccato con mano le più originali particolarità della fisica; altra attività stimolante quella legata alla risoluzione di veri e propri casi: abbiamo lavorato in gruppi da sei, collaborando tra di noi e sforzandoci nel trovare una soluzione.

L’Erasmus è un’opportunità che ci è stata offerta e che ha arricchito il bagaglio della nostra vita, ci ha reso ragazzi e cittadini più consapevoli del mondo: un’esperienza che migliaia di giovani vivono ogni giorno, simbolo di quest’Europa che si espande e annulla ogni tipo di distanza, materiale o culturale.

Vogliamo caldamente ringraziare la Dirigente Scolastica Stefania Marini, per aver aperto il nostro Liceo a questo Progetto e i professori Nuccio Mozzicato e Anna Nardecchia, che ci hanno accompagnato ed attentamente guidato in una delle città più belle d’Europa.

GALLERIA FOTOGRAFICA

 

 

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to StumbleuponSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn