Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti. Continuando la navigazione se ne accetta l'utilizzo.
Per maggiori informazioni sulle caratteristiche e sulle modalità di disattivazione di tali cookie si veda l'
informativa estesa.

Azione di informazione, comunicazione, sensibilizzazione e pubblicità.
Fondi Strutturali Europei 2014-2020

Una stele per fare memoria

programma -invitoSolo una piccola immagine sfocata. È quello che rimane di Benedetto Rosetti, il soldato sambenedettese cui è intitolato il nostro liceo. Sulla base di questa unica testimonianza visiva lo scultore Paolo Annibali ha realizzato la stele commemorativa che martedì 15 dicembre, alle ore 11.15, presso il nostro istituto, sarà inaugurata nel corso di una cerimonia, a conclusione dell’anno celebrativo del centenario della Grande Guerra. Nel corso di questi mesi gli studenti hanno svolto un lavoro di ricerca per approfondire la conoscenza della realtà cittadina in quegli anni e, nello specifico, per conoscere meglio la vicenda del giovane Benedetto Rosetti, insignito di medaglia d’argento al valor militare alla memoria, i cui parenti, che saranno presenti alla manifestazione, hanno fornito prezioso materiale documentario per una ricostruzione.

Il senso dell’opera e il messaggio di cui essa intende farsi portatrice è sintetizzato nelle parole dello stesso artista, docente del Rosetti, che generosamente ha aderito al progetto: “Le celebrazioni del centenario dell’inizio della prima guerra mondiale hanno permesso una riflessione sulla figura di Benedetto Rosetti, giovane sambenedettese perito nei primi scontri proprio di quell’anno, il 1915.

Da accurate ricerche d’archivio è emersa l’unica foto conosciuta del giovane. Una foto in cui appare con alcuni commilitoni e dove il suo volto è minuscolo come un francobollo sfocato. Su questo esiguo materiale visivo e storico abbiamo concordato di realizzare un’opera che lo ricordasse, visto che la nostra scuola è a lui dedicata.

Le vie dell’arte si nutrono di emozioni, ricordi…, e proprio queste sono le cose che mancano di Benedetto, che cosa pensava, quali erano i suoi sogni, chi era la ragazza di cui era innamorato. Tutto dimenticato, tutto quello che resta di lui è solo il nome. L’arte è chiamata a rendere tangibile quello che non è più, riportare alla luce un “eroe” ormai senza volto. Ma è chiaro anche che non potevo realizzare una scultura celebrativa; “eroismo”, “suolo patrio”, sono termini che ci appaiono ormai desueti, lontani, anche se sono valori che hanno permesso, oggi, di essere quello che siamo.
E’ proprio dall’idea di “portare alla luce” che è nata quest’opera. Ho immaginato il volto di Benedetto come frutto di un ritrovamento archeologico, un reperto, una specie di maschera funeraria, una maschera teatrale.

Importante è anche l’istallazione, dove, grazie alla lastra di plexiglass, la scultura rimane sospesa, senza tempo, senza luogo”.

Alla cerimonia, avviata dal saluto della Dirigente Scolastica Stefania Marini, interverranno, oltre ai parenti di Benedetto Rosetti, anche il presidente della Provincia Paolo D’Erasmo, il sindaco di San Benedetto Giovanni Gaspari ed il vicario del Vescovo Carlo Bresciani, don Romualdo Scarponi. Seguiranno l’intervento del professor Annibali, che illustrerà l’opera, quello di Antonio De Signoribus su voci e testimonianze della Grande Guerra, e di Giancarlo Brandimarti, che, avendo anche seguito gli studenti nel percorso storico, presenterà la figura del giovane soldato; gli intermezzi musicali saranno curati dagli alunni Simone Costanzi, Laura Ferrari e Chiara Iozzi.

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to StumbleuponSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Allegati:
Scarica questo file (Programma_invito_15_dic_2015.pdf)Programma - Invito831 kB